NEWS

Vivi l’esperienza della Biovendemmia – Domenica 12 settembre dalla mattina al tramonto – Grazie alla Trebotti una giornata indimenticabile nella Tuscia

L’azienda biologica Trebotti apre le porte della cantina e dei vigneti per far vivere a tutti una giornata dedicata all'esperienza della vendemmia tra i più antichi riti della cultura contadina tra tradizione, cucina agricola, musica, arte, degustazioni e soprattutto buon vino

Leggi tutto...

Vini vulcanici? Il Grechetto esplosivo della Trebotti

L’azienda Trebotti di Castiglione in Teverina racconta il vino che più di tutti rappresenta la Tuscia e i vini vulcanici, l’Incanthus Grechetto della Tuscia DOP Bio. Mineralità, sapidità, longevità, le caratteristiche del principe dei vitigni della Tuscia espresse dal terroir vulcanico.

Leggi tutto...

Una giornata tra natura, arte, degustazioni e il pranzo tra i vigneti. Grazie alla Trebotti un’esperienza unica

La strada per la conoscenza è fatta di incontri e condivisione, da sempre punto cardine dell’azienda biologica Trebotti.

Proprio per questo sono nate le EcoWineExperience, giornate dedicate alla scoperta del territorio aziendale.

Leggi tutto...

3S L’Aleatico Rosato – Dagli Etruschi ad oggi: storia, tradizione ed innovazione nell’ultimo nato in casa Trebotti

Il rosato: un vino fresco, profumato e dall’irresistibile nuance pastello, ma che genera ancora confusione e scetticismo.

Allontanandosi dalla più tradizionale scelta tra bianco e rosso, c'è ancora chi si domanda se si ottenga mischiando le due tipologie.

Raccontare un rosato, perciò, diventa il modo migliore per fare chiarezza riguardo agli aspetti salienti della vinificazione, argomento che risulta arduo tra i non addetti ai lavori. Bisogna però sfatare un mito e chiarire che in Italia è proibito produrre vini rosati mescolando il vino rosso con il bianco.

Leggi tutto...

Il Manzoni Bianco, storia, ricerca e innovazione in agricoltura. La tradizione di famiglia

Tag: Bio, sostenibile, senza solfiti, carbon neutral, vulcanico, vitigno di famiglia, manzoni bianco

“3s L’incrocio ” è il risultato di un ereditario istinto nel guardare avanti, piccolo capolavoro della ricerca enologica italiana.

Inizialmente concepito come sfida alla concorrenza del mercato vinicolo francese, oggi questo vitigno sposa i criteri di sostenibilità e innovazione centrali nella filosofia dell’azienda biologica Trebotti.

Il vitigno Incrocio Manzoni 6.0.13 nasce negli anni ‘30 grazie al lavoro del Prof. Luigi Manzoni, Preside della Scuola di Enologia di Conegliano Veneto, la più antica ed importante scuola del vino nel mondo insieme alla Scuola di enologia di Bordeaux. In quel periodo storico le ricerche degli agronomi, nel mondo della viticoltura, erano fortemente indirizzate verso la ricerca di nuovi vitigni. L’obiettivo era sia quello di trovare varietà più resistenti alle malattie e alle parassitosi sia quello di migliorare e aumentare i vitigni italiani nell’ottica di competere con maggior efficacia con il mercato enologico francese.

Leggi tutto...

La biovendemmia 2020 Trebotti in Teverina vino, arte, cultura!

La Biovendemmia è ormai diventato un evento imperdibile che da anni si organizza in un'azienda bio sostenibile a Castiglione in Teverina nella Tuscia. Dalla mattina alla sera, una festa tra i filari con la raccolta dell'uva, la pigiatura dei bimbi, a cui seguono il pranzo nei vigneti con gli ottimi vini, musica e arte. Una giornata intensa, piena di emozioni per piccoli e grandi, immersi nella natura che si conclude in cantina con la degustazione dei Grechetti. Quest'anno l'Azienda Biologica Trebotti ha deciso di contenere il numero di partecipanti a 200 persone per garantire il divertimento nel rispetto delle normativa Covid. Prenotazione online obbligatoria su www.ecowineexperience.it

Scarica il programma

Leggi tutto...

Lockdown, filiera corta, km0 e la consegna vino a domicilio

L'emergenza COVID sta modificando le abitudini degli italiani (così come quelle di gran parte dei cittadini di tutto il resto del mondo) non ultime quelle alimentari legate all'approvvigionamento e all'utilizzo dei beni di prima necessità.

La diffusione del SARS-CoV-2 ha stravolto gli equilibri e le routine di qualunque settore merceologico. In primis quello agroalimentare, l'unico (insieme a quello farmaceutico) a tutti gli effetti irrinunciabile. Il rallentamento della circolazione delle merci all'interno della UE ha generato ritardi nell'approvvigionamento dei negozi. La chiusura di alberghi, bar,  ristoranti, locali con somministrazione (più in generale il   settore HORECA) ha messo in ginocchio esercenti, lavoratori e fornitori.

Leggi tutto...

Sentito parlare dei Vignaioli Indipendenti? Trebotti è FIVI

Dal 2017 l'Azienda biologica Trebotti aderisce alla FIVI: Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti

La Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti nasce nel 2008, seguendo il modello della Confédération des Vignerons indépendants de France (VIF), che a sua volta mosse i primi passi già nel 1976 quando, una manciata di vignaioli nel sud della Francia, creò un piccolo sindacato. Ad oggi la VIF conta più di 7000 vignaioli, distribuiti in 32 federazioni dipartimentali e 10 federazioni regionali, è riconosciuta da organi rappresentativi, decisionali e di concertazione dove è presente a livello nazionale, regionale e dipartimentale.

Leggi tutto...

La viticoltura biologica può ambire all’abbattimento totale delle emissioni climalteranti legate ai processi di vinificazione.

Il settore agricolo, su scala globale, è considerato uno dei principali emettitori di gas serra (con una stima di circa il 23% delle emissioni totali, se si considera anche la deforestazione e i cambi d’uso del suolo a fini della produzione agricola) responsabili, come confermato ormai da anni dalla comunità scientifica mondiale, dell’innalzamento della temperatura media del Pianeta e quindi del fenomeno noto come “Climate change”.

Leggi tutto...

L’azienda biologica Trebotti apre le porte della cantina e dei vigneti per far vivere a tutti una giornata dedicata all'esperienza della vendemmia tra i più antichi riti della cultura contadina tra tradizione, cucina agricola, musica, arte, degustazioni e soprattutto buon vino

La gestione responsabile di un’azienda in ottica ambientale ed etica è la base per un rapporto sano e consapevole con l’ambiente e con la comunità che ospita l’azienda stessa. Essere proprietari di un’azienda significa anche essere responsabili dell’impatto che l’azienda stessa (soprattutto quando opera in ambito agroalimentare) ha sull’ambiente e sulla comunità che la circondano.

Nel settore agroalimentare, in particolar modo, il plusvalore che un’azienda di questo tipo può offrire è la comunicazione ed il dialogo con l’esterno.

Infatti comunicare le proprie buone pratiche è un ulteriore gesto di attenzione al territorio che un’azienda responsabile può avere perché significa innanzitutto far conoscere la qualità dei propri prodotti ma anche generare attenzione, divulgare e creare i presupposti per favorire lo sviluppo di una sensibilità in coloro che vengono a contatto con l’azienda stessa (collaboratori, amici, clienti, fornitori, ecc.).


Foto 1 1


Ed è proprio partendo da questa considerazione che l’azienda biologica ed ecosostenibile Trebotti ha creato il motto “Trebotti in Teverina vino, arte, cultura!”. E questo slogan è stato l’incipit di una grande quantità di eventi a cui l’azienda in quasi 20 anni di vita ha dato luogo.

Concerti, conferenze, degustazioni, mostre d’arte, mostre fotografiche e tanto altro.

Tra tutti questi eventi spicca per importanza e fama la festa della BioVendemmia.


Foto 2


Da 9 anni, a settembre, l’azienda apre le porte a centinaia di persone (in totale ad oggi più di 3000) dalla mattina presto per far trascorrere loro una giornata indimenticabile tra vendemmia, consuetudini, piatti tradizionali, vini del territorio, mostre d’arte, musica dal vivo e degustazioni tecniche importanti.

La giornata di domenica 12 settembre, come da tradizione, per chi ha piacere a farlo, inizia intorno alle 8 del mattino quando chi è curioso di sapere cosa significhi vendemmiare può dirigersi nella vigna dove personale esperto guiderà adulti e bambini tra i filari. Da lì sarà possibile seguire il percorso dei propri grappoli raccolti dalla vite fino a dentro la cantina.


Foto 3 1


E si sa che lavorare nel vigneto richiede molte energie e quindi, come nel passato, a metà mattinata ci sarà una colazione a base di uva con pane, miele e mandorle. Quello che occorre quando, durante il lavoro tra i filari, c’è bisogno di reidratarsi e di avere energia dai carboidrati del pane e dagli zuccheri dell’uva del miele e della frutta secca tutti prodotti biologici dell’azienda Trebotti!

Alle 12 si rinnova l’antico rituale della pigiatura dell’uva a piedi nudi dei bambini, e qui proprio grazie a loro esplode una gioia contagiosa, uno dei momenti speciali della giornata dove grandi e piccoli riprendono contatto con la natura.


Foto 4


La giornata prosegue con il pranzo tra i filari. Il menù è ricco di piatti a base dei prodotti Terramor biologici dell’azienda e di altri produttori locali. I piatti ogni anno vengono decisi grazie anche alla consulenza di “anziani” del territorio che sono stati intervistati apposta per sapere cosa si mangiava durante la vendemmia nel passato. E così c’è il baccalà in umido al finocchietto selvatico, una volta piatto povero adesso tra i più ricercati della cucina, l’unico modo per mangiare il pesce in passato in una zona dell’entroterra, i lombrichelli che sono un formato di pasta tipico della Tuscia, le salsicce cotte a fuoco lento insieme all’uva appena raccolta, tanti altri piatti non solo buoni da mangiare ma che hanno una storia da raccontare.


Foto 6


Il pranzo sarà accompagnato da musica dal vivo con un gruppo di circa 15 elementi “La Banda: rhythm ‘n’ blues revue”. Voci, cori, percussioni, corde, fiati e tastiere accompagneranno il pranzo e la giornata all’insegna della musica live di qualità, italiana ed internazionale.


Foto 7


Per quanto riguarda il concetto citato all’inizio riguardo alla comunicazione e alla divulgazione delle buone prassi, durante tutto il giorno verranno organizzati tour guidati dell’aziendauna bella passeggiata durante la quale vigneto, orto, uliveto, asina Jane, orto sperimentale, grotta etrusca dove matura lo spumante e cantina, saranno descritti e raccontati a tutti coloro che avranno la curiosità e la voglia di conoscere più da vicino la Trebotti e le sue innovazioni dedicate alla qualità, alla salubrità dei prodotti e alla sostenibilità ambientale. Trebotti sono tra i primi vignaioli carbon-neutral al mondo!


Foto 8


Tornando al motto “Trebotti in Teverina vino, arte, cultura!”, un altro aspetto di fondamentale importanza, oltre alla musica e alla cucina, è infatti proprio l’arte. Durante tutta la giornata sarà possibile visitare l’esposizione temporanea ‘Tra cielo e terra” di Carmine Leta, artista di origini calabresi che risiede e lavora nella Tuscia. Le opere di Carmine Leta, tra i vari temi in linea con la Trebotti, portano avanti il concetto del recycling e del recupero dei materiali (ad esempio una delle sue opere consiste in un fauno realizzato usando una matassa di ferro trovata in una vigna in stato di abbandono). La Trebotti negli anni sta creando un percorso dai vigneti alla cantina di opere d’arte, in mezzo alla natura. Proprio grazie all’ospitalità che offre agli artisti ad ogni bio vendemmia, durante la giornata potrete scoprire, con un occhio attento le varie opere diffuse in azienda, che quest’anno si arricchiranno una nuova opera di Carmine Leta.


Foto 9


Come se non bastasse, per chi vuole scoprire più da vicino e più nel dettaglio l’affascinante mondo del vino da un punto di vista organolettico, nel pomeriggio, la giornata proseguirà con una degustazione tecnica di vini guidata da Giampaolo Gravina (wine-writer e divulgatore) in collaborazione con Samuele Calistri (wines & spirit education trust – Calistri wines). Il tema di quest’anno sarà eccezionale, Vignaioli Italiani e francesi a confronto.

La Trebotti fa parte della FIVI Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti e Ludovico, il responsabile dell’azienda, ne è il delegato del Lazio. Il corrispettivo francese è Vignerons indépendants de France e da qui nasce l’idea di questa interessantissima degustazione (guidata da enologi, sommelier e giornalisti) che offre una sorta di gemellaggio italo-francese tra vignaioli indipendenti. La degustazione prevede un numero limitato di posti e ci si potrà prenotare contattando l’azienda.


Foto 10


Disponiamo di un efficiente sistema di prenotazioni on-line che permette di partecipare alla BioVendemmia, che si svolgerà praticamente tutta all’aperto in modo da garantire il rispetto delle normative anti Covid.

La BioVendemmia è un evento legato al mondo del vino ma adatto anche ai più piccoli e alle intere famiglie proprio perché il vino, sebbene centrale, si eleva e diventa un mezzo per raccontare tanto altro e per comunicare un’agricoltura sana e giusta.

PRENOTAZIONI ONLINE OBBLIGATORIA: https://shop.trebotti.it/eventi/biovendemmia-2021

INFO E CONTATTI:

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Tel e Whatsapp 0761 1986704